16/11/17

The Nature that looks the world

David Diavù Vecchiato
"The Nature that looks the world"
Mural, Vitulano (BN) October 2017
Art can give back people the gaze of ‘its’ mountain where the man covered it with a gray wall

David Diavù Vecchiato
"La Natura che guarda il mondo"
Murale, Vitulano (BN) ottobre 2017
L'Arte può restituire alle persone lo sguardo della ‘loro’ montagna laddove l'uomo lo ha coperto con un muro grigio.

28/06/17

David Diavù Vecchiato "Mi'ka'El?", Castelsardo (Sardegna, Italia)


"Mi'ka'El?"
Murale. Castelsardo (Sardegna, Italia), 2017
"Mi'ka'El?" è la domanda che il Principe dei cieli Michele Arcangelo grida a Lucifero mentre lo schiaccia e lo trafigge con la spada. E significa "Chi è come Dio?".
L'arcangelo che ho dipinto - dal volto ellenistico (pre-cristiano e assai umano) - pare lo stia chiedendo alle creature del pianeta grigio e nero sul quale si innalza, e dal quale non un unico Lucifero ma varie piccole serpi si ergono meschine e feroci tra le sue gambe, credendosi pari a lui, o senz'altro migliori degli altri.
Questo murale non è un'opera religiosa e non intende esserlo, è un omaggio al talento del Maestro di Castelsardo che alla fine del 1400 dipinse il San Michele Arcangelo a cui mi sono ispirato, tavola conservata nel Museo Diocesano della Cattedrale di questo splendido paese di cui sono stato ospite.
Il volto del protagonista però non ha il gentile sguardo di un santo più o meno invasato che sta per trafiggere un demonio, è anzi emotivamente distaccato, da scultura bronzea, ed è infatti ispirato allo Spinario, il fanciullo assolutamente umano che risiede oggi ai Musei Capitolini (statua ellenistica, realizzata tra il III e il I secolo a.C.) e che si sta sfilando una spina dal piede (l'arcangelo Michele che sfida Satana viene anche identificato con la figura di Cristo, a cui invece le spine le avrebbero conficcate in testa). Un umano tra gli umani che sa dominare ciò che lo sfida.

Organizzazione Fondazione Pio Alferano e Virginia Ippolito per "I Borghi Più Belli d'Italia".
Grazie a:
Santino Carta, Valentina Ruiu, Franco Cuccureddu, Massimiliano Fiori, Giuseppe ZioRruzu Ruzzu
il Direttore artistico di "Dimorare nella Bellezza" Vittorio Sgarbi,
la Curatrice di "Dimorare nella Bellezza" Simona Capodimonti







26/10/16

in gita a Lucca con Macaco e Piteco

Per soli 2 giorni supererò la zona rossa del Fumetto (che vedete in mappa) di Lucca Comics & Games ovvero ven 28 e sab 29 ottobre, per presentare il volumone XL COMICS, in cui sono pubblicate le storie a fumetti di MACACO & PITECO che ho realizzato qualche annetto sulla rivista La Repubblica XL.
Dove mi trovate:
- Venerdì 28 Ottobre: h 13.00 - h 17.00 In giro a vedere voi che disegnate.
- Venerdì 28 Ottobre: h 17.00 – 18.00 A regalarvi io disegni su XL Comics alla Signing Session al Padiglione Panini Comics in Piazza San Martino.
- Venerdì 28 Ottobre: h 21.00 A cena a vedere gente che disegna sulle tovagliette.
- Sabato 29 Ottobre: h 11.00 – 12.00 alla Chiesa di San Giovanni all'incontro conferenza "Panini Comics Presenta: XL Comics, quando l’underground era mainstream". 
(Avete capito bene: Diavù in chiesa...Ascendam super altitudinem nubium, similis ero Altissimo...)

  


...e da novembre il volumone XL COMICS, che ha questa faccia, potete trovarlo in libreria (o QUI)

16/08/16

Street Art @ Vitulano (BN)

Nel pieno centro di Vitulano, piccolo paese nel Parco Naturale del Taburno Camposauro in provincia di Benevento, c'è un giardino adottato da una comunità di persone gentili tenute assieme da un poeta.
Il poeta si chiama Sandro Pedicini e, grazie all'Associazione Giardino Oltremodo Botanico che ha fondato con questi altri cittadini - tra cui il botanico Alfonso Pedicini - ha portato in quel giardino, una a fianco all'altra, le specie di piante e fiori che crescono su quei monti. 
Qualche tempo fa Sandro mi ha cercato e mi ha chiesto di dare un segno artistico forte ai muri di quel giardino. E così con tre super-assistenti, Serena e i ragazzi di aDNA Mirko e Sonia, siamo andati a dipingere tra quelle piante anche alcuni degli animali che vivono tra quei monti.
Sono stati cinque giorni di arte, amicizia, tanto buon cibo e altrettanto buon vino in cui un giardino pubblico ha mostrato a tutti come può trasformarsi in un luogo di socialità e scambio di storie e di idee, se si ha il desiderio di condividerle e si è ancora vivi dentro.
I bambini di Vitulano ora possono giocare tra lupi, volpi, allocchi, poiane, salamandre pezzate, coronelle austriache e rospi smeraldini, e mi auguro che questo possa tornargli utile a conoscere e a rispettare la varietà della flora e della fauna di quei luoghi magnifici ed ospitali.

Un video pubblicato da Diavù (@diavu) in data:


Desidero ringraziare e abbracciare forte Alessia, Alfonso, Gaetano, Ettore, Chiara, Teresa, Nives e la giovane Gabriela (sii sempre affamata di sapere come ora!). Ovviamente Sandro e tutti coloro che sto sicuramente dimenticando. E i miei amici Mirko, Sonia e Antonella (e Haiku). E Serena che mi salva sempre la vita :)
(foto di Mirko, Teresa e Sonia)